La raccommandata del servizio postale privato non vale per le procedure ammnistrative e giudiziarie

http://www.quotidianodiritto.ilsole24ore.com/art/tributario/2016-06-16/la-raccommandata-servizio-postale-privato-non-vale-le-procedure-ammnistrative-e-giudiziarie-135027.php?uuid=ADVRCId

In tema di notifiche a mezzo posta, il decreto legislativo n. 261 del 1999, pur liberalizzando i servizi postali in attuazione della direttiva 97/67/Ce, all’articolo 4, comma 5, ha continuato a riservare in via esclusiva, per esigenze di ordine pubblico, al fornitore del servizio universale (l’Ente Poste), gli invii raccomandati attinenti alle procedure amministrative e giudiziarie. Ne consegue che, in tali procedure, la consegna e la spedizione mediante raccomandata, affidata ad un servizio di posta privata, non sono assistite dalla funzione probatoria che l’articolo 1 del citato decreto legislativo n. 261 del 1999 ricollega alla nozione di “invii raccomandati” e devono, pertanto, considerarsi inesistenti.

Avvocato Brugherio (Monza – MIlano) Avvocato Andrea Scaccabarozzi consulenza diritto tributario.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...