Responsabilità medica. Il danno morale va sempre provato: nessuna automaticità parametrata al danno biologico

Il giudice non può limitarsi a liquidare la componente del danno morale, cumulativamente al danno biologico, attraverso l’applicazione automatica di una quota proporzionale del valore di detto ultimo danno, ma deve preliminarmente verificare se e come la sofferenza soggettiva derivante dalla lesione alla salute subita sia stata allegata e provata dal danneggiato, provvedendo, solo in caso positivo, ad adeguare la misura del danno non patrimoniale ed indicando il criterio di “personalizzazione” adottato. Tribunale di Rieti sentenza del 9 novembre 2018.

Avvocato Andrea Fabio Scaccabarozzi – responsabilità medica – Avvocato Brugherio – Monza – Milano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...