Risarcimento del danno da sangue infetto

MASSIME
Responsabilità e risarcimento – Danno – Alla persona – Trasfusione di sangue infetto – Richiesta di risarcimento – Prescrizione – Decorrenza – Criteri – Individuazione – Fattispecie. (Legge 210/1992, articolo 1; Cc, articoli 2935 e 2947)
Nell’ambito di un giudizio risarcitorio per i danni patiti a seguito di una trasfusione di sangue infetto si rileva come il computo della prescrizione del diritto a richiedere il risarcimento dei danni non può iniziare a decorrere solo con la comunicazione del responso delle commissioni mediche ospedaliere. E infatti, è illogico ritenere che il decorso del termine di prescrizione possa iniziare dopo che la parte si è comunque attivata per chiedere un indennizzo per lo stesso fatto lesivo pur nella diversità tra diritto all’indennizzo e diritto al pieno risarcimento del fatto dannoso. È, pertanto, ragionevole presumere che, dal momento della proposizione della domanda amministrativa, la vittima del contagio deve avere avuto una sufficiente percezione sia della malattia, sia del tipo di malattia che delle possibili conseguenze dannose. Percezione la cui esattezza viene solo confermata con la certificazione emessa dalle commissioni mediche. (Nella specie era emerso che l’appellante aveva inoltrato la richiesta di indennizzo ai sensi della legge n. 210 del 1992 nell’ottobre del 2000, cosicché, alla data della prima richiesta di liquidazione del danno, notificata al competente Ministero solo nel 2007, il termine di prescrizione quinquennale era ormai già decorso).
Corte d’Appello di Lecce, Sezione 2 civile, Sentenza 8 gennaio 2016, n. 14
Contagio da sangue infetto – Risarcimento danni e prescrizione – Ministero della Salute – Produzione, commercializzazione e distribuzione del plasma e degli emoderivati – Omessa vigilanza – Responsabilità extracontrattuale – Fondamento – Attirbuite a detto dicastero – Diritto al risarcimento del danno – Prescrizione quinquennale – Decorrenza.
La responsabilità del Ministero della Salute per omessa o insufficiente attività di programmazione, indirizzo, coordinamento, nonché sorveglianza e vigilanza sulla produzione, commercializzazione e distribuzione del plasma e degli emoderivati, la quale si inquadra nella fattispecie generale dell’art. 2043 c.c., rinviene il suo titolo nelle funzioni che in materia sono attribuite a detto dicastero dalla normativa vigente. In tale contesto, stante la pacifica natura extracontrattuale della responsabilità del predetto Ministero, il diritto risarcitorio del danneggiato è soggetto alla prescrizione quinquennale, ex art. 2947, comma 1, c.c., decorrente dal giorno in cui la malattia è percepita o può essere percepita dal danneggiato quale danno ingiusto conseguente al comportamento del terzo, usando l’ordinaria diligenza e tenendo conto della diffusione delle conoscenze scientifiche e, dunque, dal giorno in cui il danneggiato ha percepito, o avrebbe dovuto percepire, con l’ordinaria diligenza, che la riscontrata infezione costituiva effetto della condotta illecita dell’Amministrazione. Ne deriva nella specie, in relazione al pregiudizio occorso all’infermiera in conseguenza del contagio con sangue infetto, la declaratoria di intervenuta prescrizione del diritto al risarcimento del danno predetto.
Tribunale di Bari, Sezione 3 civile, Sentenza 16 settembre 2014, n. 4110 – Data udienza 13 settembre 2014
Risarcimento dei danni patiti a seguito di trasfusioni di sangue infetto – Danno causato da emotrasfusione – Responsabilità extracontrattuale – Prova del nesso causale – Applicazione della regola del più probabile che non – Fattispecie
In ordine alla responsabilità extracontrattuale per danno causato da emotrasfusione, la prova del nesso causale, incombente sull’attore danneggiato, tra la specifica trasfusione ed il contagio, ove risulti provata l’idoneità di tale condotta a provocarla, può essere fornita anche con il ricorso alle presunzioni. Del resto, ai fini dell’accertamento del nesso causale non vige la regola applicata in ambito penale della prova “oltre il ragionevole dubbio”, bensì quella della preponderanza dell’evidenza o “del più probabile che non”, stante la diversità dei valori in gioco nel processo penale tra accusa e difesa e l’equivalenza di quelli in gioco nel processo civile tra le due parti contendenti. Nella fattispecie, stante la documentazione in atti, si riteneva sussistente il nesso di causalità materiale tra le emotrasfusioni cui fu sottoposto il padre dell’attrice e l’infezione da HCV contratta dal medesimo. Altresì, rilevato che le trasfusioni furono eseguire nel 1991, quando già esisteva il test diagnostico rilevatore del virus da epatite C, si constatava come il Ministero convenuto non aveva dato prova, come sarebbe stato suo onere al fine di andare esente da responsabilità, dell’esecuzione del test diagnostico per l’individuazione del virus HCV e dei relativi risultati negativi. In difetto di tale prova ed in assenza di fattori di contagio alternativi all’emotrasfusione, si affermava la responsabilità del convenuto per il danno non patrimoniale sofferto dal de cuius.
Tribunale di Lecce, civile, Sentenza 5 novembre 2015, n. 5354 – Data udienza 5 novembre 2015
Contagio da emotrasfusioni. risarcimento danni e prescrizione – Emotrasfusione di sangue infetto – Contagio del paziente – Risarcimento danni – Diritto – Fondamento – Responsabilità contrattuale della struttura sanitaria – Prescrizione decennale – Decorrenza – Dies a quo – Percezione del danno ingiusto – Fattispecie
Il diritto al risarcimento del danno spettante al paziente per la contrazione del virus HCV in conseguenza di una emotrasfusione nei confronti della struttura sanitaria sorge da una responsabilità di natura contrattuale dell’ente predetto nei confronti del paziente e, pertanto, è soggetto al termine prescrizionale ordinario decennale previsto dall’art. 2946 c.c.. In ordine al dies a quo deve rilevarsi che il termine di prescrizione del diritto al risarcimento del danno di chi assume di aver contratto per contagio una malattia per fatto doloso o colposo di un terzo decorre ex artt. 2935 e 2947, comma 1, c.c. non dal giorno in cui il terzo determina la modificazione che produce il danno altrui o dal momento in cui la malattia si manifesta all’esterno, ma dal momento in cui viene percepita o può essere percepita quale danno ingiusto conseguente al comportamento doloso o colposo di un terzo, usando l’ordinaria diligenza e tenuto conto della diffusione delle conoscenze scientifiche. L’espresso principio, benché applicabile al rapporto tra paziente e Ministero della Salute, sul quale grave una responsabilità extracontrattuale, è pacificamente estensibile ai rapporti tra paziente e struttura sanitaria presso la quale viene praticata la terapia trasfusionale e sulla quale grava, invece, una responsabilità contrattuale che riposa sull’esatto adempimento della prestazione, ovvero sul dovere di vigilanza e controllo del sangue oggetto di trasfusione. Nel caso concreto, dovendo ricondursi la conoscenza, in capo all’attore, della sussistenza della malattia, già indicata come epatite HCV, alla prima domanda di indennizzo conseguente al contagio, la domanda risarcitoria è prescritta, a nulla rilevando che in tale sede non sia stato riconosciuto il nesso causale tra trasfusione e il contagio.
Tribunale di Firenze, Sezione 2 civile, Sentenza 13 gennaio 2015, n. 53 – Data udienza 13 gennaio 2015
Risarcimento dei danni subiti a seguito di trasfusioni del sangue – Azione per conseguire il risarcimento dei danni subiti per trasfusione del sangue infetto – Azione avente natura extracontrattuale – Azione soggetta al termine quinquennale di prescrizione stabilito dall’art. 2947, comma 1, c.c. – Fattispecie – Impossibilità di pervenire a diverse conclusioni neppure applicando il termine di cui all’art. 2947, comma 3, c.c. – Condotta antigiuridica realizzata dalla convenuta – Estremi del reato di lesioni colpose – Fattispecie che, ai sensi del combinato disposto di cui agli artt. 157 c.p. e 590 c.p. si prescrive in cinque anni – Dies a quo – Termine di prescrizione decorrente dal momento in cui la malattia viene percepita o può essere percepita quale danno ingiusto – Danno conseguente al comportamento doloso o colposo del terzo – Utilizzo dell’ordinaria diligenza – Assenza di altri elementi – Momento della proposizione della domanda volta ad ottenere l’indennizzo ex L. n. 210 del 1992 – Possibilità di ritenere che la vittima del contagio abbia avuto una sufficiente percezione sia della natura della malattia che della riconducibilità della stessa a fatto illecito altrui – Caso concreto – Attore – Presentazione al Ministero competente della domanda di indennizzo nel 1994 – Giudizio iniziato nel 2006 – Lettera risarcitoria del legale della parte attrice inviata al Ministero nell’agosto del 2004 – Termine quinquennale di prescrizione – Considerazione della predetta lettera quale atto di messa in mora – Decorrenza del termine di prescrizione – Rigetto della domanda attorea
L’azione per conseguire il risarcimento dei danni subiti per trasfusione del sangue infetto ha natura extracontrattuale ed è soggetta al termine quinquennale di prescrizione stabilito dall’art. 2947, comma 1, c.c.. In relazione alla fattispecie, si è evidenziato come non si sarebbe giunti a diverse conclusioni neppure applicando il termine di cui all’art. 2947, comma 3, c.c.. Ed infatti, la condotta antigiuridica realizzata dalla convenuta configurerebbe gli estremi del reato di lesioni colpose; fattispecie che, ai sensi del combinato disposto di cui agli artt. 157 c.p., (vecchia formulazione) e 590 c.p. si prescrive in cinque anni. Orbene, con riferimento al dies a quo, poiché il termine di prescrizione decorre non dal momento in cui la malattia si manifesta all’esterno, bensì dal momento in cui la malattia viene percepita o può essere percepita quale danno ingiusto conseguente al comportamento doloso o colposo del terzo, usando l’ordinaria diligenza, si ritiene ragionevole ipotizzare, in mancanza di altri elementi, che quanto meno dal momento della proposizione della domanda volta ad ottenere l’indennizzo ex L. n. 210 del 1992, la vittima del contagio abbia avuto una sufficiente percezione sia della natura della malattia che della riconducibilità della stessa a fatto illecito altrui. Nel caso concreto l’attore aveva presentato al Ministero competente la domanda di indennizzo nel 1994; il giudizio era stato iniziato nel 2006, agli atti vi era una lettera risarcitoria del legale della parte attrice inviata al Ministero nell’agosto del 2004; il termine quinquennale di prescrizione, dunque, anche tenendo conto di tale atto di messa in mora era da ritenersi abbondantemente decorso. Conseguentemente, la domanda attorea è stata rigettata.
Tribunale di Firenze, Sezione 2 civile, Sentenza 26 gennaio 2015, n. 201 – Data udienza 26 gennaio 2015
Danni da trasfusione di sangue infetto  – Risarcimento – Trasfusioni di sangue infetto – Soggetto danneggiato – Risarcimento – Prescrizione – Termine quinquennale – Decorrenza – Presentazione della domanda in via amministrativa – Fattispecie – Calcolo del termine – Cinque anni e tre mesi per la querela – Erroneità – Riforma della pronuncia.
Il diritto al risarcimento del danno subito dal soggetto danneggiato a seguito di trasfusioni di sangue infetto si prescrive nel termine di cinque anni, sia che si faccia riferimento al termine prescrizionale civile, sia a quello penale, essendo configurabile, nell’ipotesi predetta, la fattispecie di reato di lesioni colpose gravi. Quanto al dies a quo di decorrenza del termine predetto, sulla base del combinato disposto degli artt. 2947, comma 1, e 2935, c.c., lo stesso decorre non dal momento in cui il diritto è stato violato, ma da quello in cui se ne può sperimentare la tutela e coincide con il momento in cui il danno è divenuto percepibile al soggetto che lo ha subito, da individuarsi in quello della proposizione della domanda amministrativa alle Commissioni Mediche Ospedaliere, in quanto appare ragionevole ipotizzare che solo da allora la vittima del contagio ha una sufficiente percezione sia della malattia, sia del tipo di malattia e delle possibili conseguenze dannose, la cui esattezza viene solo confermata con la certificazione emessa dalle Commissioni Mediche. Nel caso concreto, seppure correttamente il Giudice di primo grado ha individuato la decorrenza del termine di prescrizione quinquennale dal momento della proposizione della domanda amministrativa, ha tuttavia errato nella parte in cui ha calcolato tale termine non già in cinque anni, ma in cinque anni e tre mesi, ritenendo che al periodo quinquennale previsto per il reato e applicabile all’azione civile ex art. 2947, comma 3, c.c., dovrebbe sommarsi l’ulteriore termine trimestrale per la prestazione della querela, sul presupposto che l’azione risarcitoria per fatto illecito fosse correlata al reato di lesioni personali colpose, perseguibile, appunto, a querela di parte. Ne consegue l’integrale riforma della gravata pronuncia e la reiezione della proposta domanda risarcitoria, per intervenuto decorso del termine di prescrizione del relativo diritto.
Corte d’Appello di Roma, Sezione 1 civile, Sentenza 11 febbraio 2014, n. 899 – Data udienza 10 gennaio 2014
Risarcimento danni alla salute e precisa determinabilità della somma da corrispondere – Risarcimento danni alla salute – Necessaria determinazione o determinabilità dell’ammontare – Indennizzo – Illegittimità dello scomputo – Somme liquidabili a titolo di risarcimento
In un giudizio di risarcimento danni alla salute, deve ritenersi indispensabile che sia determinata o determinabile nel suo preciso ammontare la somma richiesta a titolo di indennizzo come nel caso di emotrasfusioni con sangue infetto di cui alla Legge del 25 febbraio 1992, n. 210 dal momento che non può essere scomputato dalle somme liquidabili a titolo di risarcimento del danno per la cosiddetta compensatio lucri cum damno se non in un preciso importo stante la mancata corrispondenza della circostanza di comprenderlo tra un minimo ed un massimo rispetto alla sua effettiva corresponsione.
Corte d’Appello di Milano, Sezione 2 civile, Sentenza 13 gennaio 2016, n. 79 – Data udienza 13 gennaio 2016